Juana "Juanita" Ramos Guerra è una delle donne che hanno contribuito a fondare la manifattura Cohiba El Laguito all'Avana. Juanita è una torcedora della più alta - la nona - categoria. Ha iniziato come apprendista più di 50 anni fa. Racconta come si è arrivati a permetterle di lavorare in questo luogo storico. La conversazione si è svolta al 5TH Avenue Products Trading-GmbH di Waldshut-Tiengen.

Cigars.zone'mailing list INSIDER
Inviando il modulo si conferma di essere maggiorenni (18+).

Tempo di lettura previsto: 7 Minuti



Juana "Juanita "Ramos Guerra

Dallo studio intenzionale della chimica alla leggenda come rulli di Cohiba

Juana "Juanita "Ramos Guerra

"In realtà volevo studiare chimica", racconta Juana, che viene anche chiamata affettuosamente Juanita. "Ma mio padre era un fervente sostenitore della rivoluzione. Mi proibì di studiare e mi ordinò di lavorare a El Laguito. Ho pianto molto per questo. Ma ho sempre voluto lasciare El Laguito quando mio padre è morto. Ma poi sono rimasta. E col tempo mi sono innamorata sempre di più di questo lavoro".

Juana "Juanita" Ramos Guerra, una vita per COHIBA

Furono Celia Sanchez (compagna di Fidel Castro) e Fidel Castro ad avere l'idea di impiegare donne cubane a El Laguito. Erano convinti che le donne avessero mani più fini e potessero quindi rollare meglio i sigari. Per Juana e le sue colleghe è stato un grande onore poter lavorare in questo posto. Si sentivano come figli di Fidel ed erano orgogliosi di far parte di questa organizzazione. "Dopo gli anni '90, anche gli uomini si sono uniti a noi perché avevano bisogno di lavorare. Li abbiamo formati", sorride.

Cohiba, Manifattura El Laguito
Foto: Vasilij Ratej (Cigars.Zone), El Laguito
Cohiba, Manifattura El Laguito
Foto: 2018, Vasilij Ratej (Cigars.Zone).

Tira una boccata dal suo sigaro Cohiba e guarda nella foschia blu. I suoi occhi si illuminano e dice: "Lì si stava così bene. Le donne si sposavano, avevano figli, ma noi continuavamo a lavorare". Il lavoro in fabbrica era duro, ma anche appagante. Juana e le sue colleghe lavoravano con cura e attenzione ai dettagli. Sapevano che stavano producendo qualcosa di speciale: il sigaro Cohiba, che ancora oggi è considerato uno dei migliori sigari al mondo.

Le donne sono più materne quando arrotolano i sigari

Juanita aveva 16 anni quando ha iniziato a lavorare a El Laguito. A 17 anni era già in grado di rollare sigari a livello professionale. Juanita sottolinea: "Questo lavoro a El Laguito è stato molto importante per il nostro Paese e molto importante per le donne cubane".

Tira un'altra boccata del suo Cohiba. Si vede che le piace. "Fidel ha sempre sottolineato che le donne sono più attente e materne quando rollano il Cohiba", dice ridendo. Guarda il suo Cohiba e sorride. "Il tabacco per il Cohiba era ed è una specialità!".

Juana "Juanita" Ramos Guerra, una vita per COHIBA, El Laguito

Le insegnanti di allora erano Caridad Badilla ed Elia Dominguez. Insegnavano alle donne, che non avevano alcuna istruzione scolastica, a leggere e scrivere.

Elia Dominguez lasciò poi El Laguito per prendersi cura del nonno. "Poi ho preso il suo posto e ho formato le giovani donne che non avevano alcuna istruzione. Lavoravo come arrotolatrice di sigari a El Laguito e istruivo le donne", racconta Juana "Juanita" Ramos Guerra.

Juana "Juanita" Ramos Guerra, una vita per COHIBA

Col tempo, sempre più persone provenienti da Cuba vollero lavorare a El Laguito. Anche le mogli delle guardie del corpo di Fidel Castro vennero a imparare a rollare sigari.

Visitatori in evidenza e messaggio agli amanti dei sigari

A El Laguito sono venuti molti visitatori importanti, tra cui re e capi di Stato. Riflette e dice: "Il primo visitatore è stato Fidel Castro, ovviamente. C'era anche il re di Spagna, Zino Davidoff e molti altri che non ricordo". Ma per Juana ogni visita di Eduardo Rivera, il vero fondatore di Cohiba, era molto speciale. Lo adorava come un padre ed era orgogliosa di lavorare per il suo marchio.

Juana "Juanita" Ramos Guerra, una vita per COHIBA

Oggi Juana è ancora una rollatrice di sigari. Negli ultimi anni ha lavorato come arrotolatrice presso La Casa del Habano nell'Hotel Meliá Cohiba e poi nel negozio di sigari del vicino Hotel Riviera. È orgogliosa di far parte di una storia di successo e vuole che la tradizione del sigaro cubano continui a vivere.

Ha lavorato a El Laguito fino al 1975 ed è rimasta incinta; ha continuato a lavorare fino al 1984 ed è rimasta nuovamente incinta. "Poi sono andata in Unione Sovietica con mio marito. Sono tornata a Cuba nel 1997", racconta.

Il suo messaggio a tutti gli amanti dei sigari: "Cari amanti dei sigari, continuate a fumare i sigari cubani! Sono i migliori al mondo! Non c'è niente di meglio del tabacco di Cuba. È unico e non può essere paragonato a nessun altro. Quando accendo un sigaro cubano in un altro Paese, le persone intorno a me dicono: Wow, che profumo! Quale sigaro fuma? Io rispondo sempre: Certo, un sigaro cubano. È delizioso, fine, ricco e semplicemente incredibile".

Juana "Juanita" Ramos Guerra, una vita per COHIBA

Spero che il mio ultimo articolo vi sia piaciuto e che abbiate trovato interessanti le informazioni in esso contenute. Sono molto entusiasta di ascoltare le vostre opinioni e non vedo l'ora di leggere i vostri commenti 🤗

Risorse sul tema

Celia Sanchez su Wikipedia

5TH Avenue Products Trading-GmbH

Foto: FotoWerk 132, Christian Schmid

Questo potrebbe interessarti anche

https://www.zigarren.zone/habanos-rollerin-in-der-essener-baydarsahin-lounge/


Di Vasilij Ratej

Sono l'editore della rivista online Zigarren.Zone e di FlashCigar (rivista online). Oltre agli articoli di testo, produco anche videoclip e video documentari. Il mio obiettivo è offrire ai miei lettori e spettatori un'esperienza unica e avvicinarli al mondo dei sigari e alle storie delle persone. Attribuisco grande importanza all'autenticità e all'onestà dei miei contributi.

3 commenti a “Juana Ramos Guerra und ihr Leben für die COHIBA”
  1. "Cari amanti dei sigari, continuate a fumare i sigari cubani!".

    Ci piacerebbe molto: se potessimo averne e se potessimo ancora permetterceli 😉 .

    Naturalmente, quando tutto si adatta, gli Habanos sono fantastici e non possono essere battuti, MA non più a qualsiasi prezzo o sforzo.

    D'altra parte, molti altri sigari di diversa provenienza non sono poi così lontani e offrono tutto ciò che un tempo era associato agli Habanos in modo più affidabile e accessibile.

    E così il proprio campo viene ancora svuotato nei tempi successivi, e poi l'addio viene deciso con dignità.

    1. Cuba ha vissuto il raccolto di tabacco più difficile di sempre. A causa dell'uragano IAN, che ha colpito nell'autunno del 2022 e ha distrutto tutta la produzione di tabacco a Pinar del Rio. Naturalmente, Cuba ha ancora tabacco in magazzino, ma le forniture urgenti derivanti dal raccolto sono in gran parte assenti quest'anno.

  2. Bel servizio su "la reina de los lanceros".
    È un privilegio conoscere personalmente questa meravigliosa torcedora e poterla annoverare tra i nostri amici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *